Minestra maritata

Dettagli
Share in FacebookTweet it!
MINESTRA_MARITATA
 
Questa è ricetta tipica campana, a base di verdure e carne bollita. Più che un primo si tratta di un piatto unico e, secondo la tradizione napoletana, viene preparato il giorno di Santo Stefano per "ripulirsi" dai bagordi delle feste, anche se viene preparata anche a Pasqua. Il nome maritata derivava dal fatto ch egli ingredienti di carne e verdura si sposano in un mix di gusto e bontà. La ricetta nel corso degli anni sa subito varie modifiche, aggiungendo o eliminando alcuni ingredienti che risultano rari in commercio.
 
Dosi per 6 persone
Tempo di preparazione: 30  minuti
Tempo di cottura:90 minuti
 
 
INGREDIENTI
1 osso di prosciutto;
3 salsicce fresche;
200 g di cotenne di prosciutto;
200 g di salamino;
300 g di maiale fresco,
100 g di croste di formaggio secco (meglio se caciocavallo);
100 g di lardo;
peperoncino forte;
1 mazzetto per brodo composto da cipolla sedano carota una foglia di alloro e prezzemolo;
600 g di broccoli di foglia e broccoletti;
700 g di cicoria e scarolella;
400 g di cappuccia;
300 gr. di torzelle
NOTA BENE: le quantità si riferiscono alle verdure già mondate.
 
PROCEDIMENTO
  1. Lavate i salumi e la carne e metteteli a cuocere a fuoco moderato in una capace pentola con il mazzetto di odori e acqua sufficiente a coprire il tutto di un palmo.
  2. Quando la carne sarà cotta , toglietela dal brodo, tagliatela a pezzetti, spolpate l'osso di prosciutto e ponete il tutto in una casseruola con 2 o 3 mestoli di brodo. Coprite e tenete da parte.
  3. Quando il brodo si sarà raffreddato, sgrassatelo asportando con un cucchiaio la patina di grasso che si sarà formata in superficie e rimettetelo sul fuoco.
  4. Nel frattempo scottate le verdure in poca acqua bollente, scolatele, strizzatele delicatamente e calatele nel brodo che avrete portato ad ebollizione aggiungendo le croste di formaggio ed il peperoncino.
  5. Dopo mezz'ora circa aggiustate di sale e unite i pezzetti di carne. La carne può anche essere servita a parte, ma va comunque riscaldata in un po' di brodo.

Per commentare devi REGISTRARTI

  • News
next
prev