U' cannistru

Dettagli
Share in FacebookTweet it!
ucanistru
 
Palermo oggi è l'unica città d'Italia dove si realizza questo cestino divenuto ormai simbolo del rispetto ai defunti che vengono "festeggiati" l'1 ed il 2 novembre,famoso "cannistru",epicentro ancora una volta i bambini,si narra che i Defunti a loro più vicini (zii, nonni, amici) li verranno a trovare nella notte tra il primo ed il due Novembre e gli porteranno doni che spesso vengono sistemati accanto al famoso "cannistru", un cestino in vimini al cui interno è possibile trovare quanto segue (anche l'ordine non è casuale):
  1. Frutta secca: mandorle, noci, castagne, datteri e fichi secchi e, se si riescono a trovare i melograni. A questo va aggiunto anche "ù scacciù". Trattasi di un miscuglio composto da "calia" (ceci tostati), "simienza" (salata e non), "arachidi" (noccioline americane), pistacchi (salati o secchi), "cruzziteddi" (castagne secche) , carrube secche, "favi e nuciddi atturrati" (fave e nocciole tostate). Create uno strato in fondo al cesto e poi adagiate tutto quello che segue.
  2. Frutta Fresca di stagione: arance, mele e Mandarini. Nell'ultimo periodo si tende a non mettere più la frutta fresca, perchè di alta deperibilità; in questo modo il "valore estetico" del cestino durerà più a lungo.
  3. Frutta di Martorana i dolcetti di squisita pasta di Mandorla (marzapane) a forma di frutta artisticamente colorata (aggiungete se volete cioccolatini e caramelle);
  4. Biscotti secchi tipici: Tetù, "ossa ri muortu" (ossa di morto,biscotti fatti con la Pasta di miele ricoperti di glassa bianca), i taralli, i quaresimali, le reginelle e gli amaretti.
  5. "i pupi ri zuccaru" o "Pupaccena": statuine di zucchero dipinte a mano raffiguranti paladini, moschettieri, cavalieri, santi, dame, personaggi disneyani

Per commentare devi REGISTRARTI

  • News
next
prev